Ricerca delle uova di Pasqua 2019

Una tradizione nella pedagogia steineriana

Non un semplice gioco, un piccolo spunto di riflessione.

le uova

Cercare. Si cerca quello che è prezioso. Con un lavoro di ricerca Dentro di Noi. E, nel percorso, l’uomo s’innalza verso lo Spirituale. “Lo spirito Risorge”

Questa breve frase, lasciata poi ad ogni famiglia, rappresenta lo spirito dell’iniziativa di sabato mattina, 13 Aprile. Bambini che giocano felici cercando uova di ottimo cioccolato artigianale nel bosco, dopo aver fatto merenda e ascoltato la storia del leprotto. Ma anche un significato più profondo, di ricerca in noi, di avvicinamento alla resurrezione della Pasqua. Un piccolo spunto di riflessione.

le nostre torte

Il clima era uggioso ma a scaldare l’ambiente ci hanno pensato da subito il profumo degli ottimi dolci fatti in casa e il vociare festoso dei bambini, assolutamente noncuranti di condizioni meteo che tendono sempre e solo a condizionare noi grandi… a se fossimo davvero aperti e semplici come i nostri figli!

il racconto della storia del leprotto

Merenda, un breve incontro di riflessione dei maestri con i genitori sul “significato della Pasqua”, poi il racconto del leprotto di Pasqua.

Davvero un momento meraviglioso. Raccolto, bello, delicato.

Meraviglioso osservare decine di bambini immobili, seduti attenti in totale silenzio ad ascoltare Stefania raccontare le peripezie dei vari leprotti per conquistarsi il titolo di vero leprotto di Pasqua, che ha il compito di consegnare le uova ai bambini.

E poi via a seguire un magico pifferaio nel percorso verso il bosco, sempre nel rispetto di toni di voce, volumi e gesti, in modo da non spaventare o disturbare i reali proprietari dello spazio, gli animali.

il pifferaio magico
l’arrivo nel bosco

Corse, ricerche, un frenetico avanti indietro a portare le uova trovate nelle ceste di Cinzia e Stefania per la raccolta, e ancora giocare con foglie e legnetti, saltare su tronchi e sedersi su ceppi a riposare prima di ripartire per una nuova ricerca.

I bambini cercano le uova
I bambini cercano le uova
I bambini cercano le uova

Le uova raccolte e divise in sacchetti di tessuto erano quindi pronte per essere portate a casa.

I bambini cercano le uova
I bambini cercano le uova
I bambini cercano le uova

Questo è stato il nostro sabato mattina, un bel sabato mattina.

le uova vengono portate nei cestini
I bambini cercano le uova
piccoli lavoratori

Grazie  a tutti!!

STORIA DEL LEPROTTO DI PASQUA

C’erano una volta un papà leprotto ed una mamma leprotto, che avevano sette leprottini e non sapevano quale sarebbe diventato il vero leprotto di Pasqua. Allora mamma leprotto prese un cestino con sette uova e papà leprotto chiamò i leprottini. Poi disse al più grande: “Prendi un uovo dal cestino e portalo nel giardino della casa, dove ci sono molti bambini.”
Il leprotto più grande prese l’uovo d’oro, corse nel bosco, attraversò il ruscello, uscì dal bosco, corse per il prato e giunse al giardino della casa. Qui voleva saltare oltre il cancello, ma fece un balzo così grande e con tanta forza che l’uovo cadde e si ruppe.
Questo non era il vero leprotto di Pasqua.
Ora toccava al secondo. Egli prese l’uovo d’argento, corse via nel bosco, attraversò il ruscello, uscì dal bosco, corse per il prato; allora la gazza gridò “Dallo a me l’uovo, dallo a me l’uovo, ti regalerò una moneta d’argento!” E prima che il leprotto se ne accorgesse la gazza aveva già portato l’uovo d’argento nel suo nido.
Neanche questo era il vero leprotto di Pasqua.
Ora toccava al terzo. Questi prese l’uovo di cioccolato. Corse nel bosco, attraversò il ruscello, uscì dal bosco e incontrò uno scoiattolo che scendeva, saltellando, da un alto abete. Lo scoiattolo spalancò gli occhi e chiese: “Ma è buono l’uovo?”
“Non lo so,” rispose il leprotto, “lo voglio portare ai bambini.”
“Lasciami assaggiare un po’!”
Lo scoiattolo cominciò a leccare e poiché gli piaceva tanto, non finiva mai e leccò e mangiucchiò pure il leprotto, fino a che dell’uovo non rimase più nulla; quando il terzo leprotto tornò a casa, mamma leprotto lo tirò per la barba ancora piena di cioccolato e disse: “Neanche tu sei il vero leprotto di Pasqua.”
Ora toccava al quarto.
Il leprottino prese l’uovo chiazzato. Con quest’uovo corse nel bosco e arrivò al ruscello. Saltò sul ramo d’albero posto di traverso, ma nel mezzo di fermò. Guardò giù e si vide nel ruscello come in uno specchio. E mentre così si guardava, l’uovo cadde nell’acqua con gran fragore.
Neanche questo era il vero leprotto di Pasqua.
Ora toccava al quinto. Il quinto prese l’uovo giallo. Corse nel bosco e, ancor prima di giungere al ruscello, incontrò la volpe, che disse: “Su, viene con me nella mia tana a mostrare ai miei piccoli questo bell’uovo!”
I piccoli volpacchiotti si misero a giocare con l’uovo, finché questo urtò contro un sasso e si ruppe.
Il leprotto corse svelto svelto a casa, con le orecchie basse.
Neanche lui era il vero leprotto di Pasqua.
Ora toccava al sesto. Il sesto leprotto prese l’uovo rosso. Con l’uovo rosso corse nel bosco. Incontrò per via un altro leprotto. Appoggiò il suo uovo sul sentiero e presero ad azzuffarsi.
Si diedero grandi zampate, e alla fine l’altro se la diede a gambe.
Ma quando il leprottino cercò il suo uovo, era già bell’e calpestato, ridotto in mille pezzi.
Neanche lui era il vero leprotto di Pasqua.
Ora toccava al settimo. Il leprotto più giovane ed anche il più piccolo. Egli prese l’uovo blu. Con l’uovo blu corse nel bosco.
Per via, incontrò un altro leprotto, ma lo lasciò passare e continuò la sua corsa. Venne la volpe. Il nostro leprotto fece un paio di salti in qua e in là e continuò a correre, finché giunse al ruscello.
Con lievi salti lo attraversò, passando sul tronco dell’albero.
Venne lo scoiattolo, ma egli continuò a correre e giunse al prato.
Quando la gazza strillò, egli disse soltanto: “Non mi posso fermare, non mi posso fermare!”
Finalmente giunse al giardino della casa. Il cancello era chiuso. Allora fece un salto, né troppo grande né troppo piccolo, e depose l’uovo nel nido che i bambini avevano preparato.
Questo era il vero leprotto di Pasqua!

Vieni a trovare il leprotto e a cercare le uova con noi sabato 13 Aprile, per informazioni: https://laculladeisensi.it/news-ed-eventi

La “NUOVA” Culla dei Sensi

Un nuovo sito, un nuovo Blog, una ancora maggiore voglia di comunicare

 

Sezioni nuove per rendere più chiari i nostri progetti, Nido Felice e Progetto Bosco Incantato.

Un nuovo Blog per un nuovo approcio di comunicazione, con presentazioni, articoli a tema, resoconti e racconti di eventi, rifelssioni.

Un nuovo approcio social.

La culla dei sensi vuole comunicare.